Il Premio Ischia Internazionale di Giorna-lismo compie 25 anni.

Vale la pena di dedicare a questa ricorrenza alcune considerazioni.

Innanzitutto 25 anni sono una bella età, bella in ogni senso, anche per una persona: figuriamoci per un Premio!

25 anni sono un intervallo di tempo sufficiente a notare, in una persona così come in una società, i cambiamenti che si sono verificati e i percorsi compiuti ma bastano appena a conquistare una prospettiva di giudizio critico, libero ed approfondito, su quei percorsi e quei mutamenti. Quando non succede che, una persona così come una società, si ostini a non voler vedere i cambiamenti, con conseguenze che, da ridicole e magari patetiche, possono diventare drammatiche!
Se però in ciascuno di quei 25 anni l’osservatorio è stato quello privilegiato dell’informazione giornalistica, si sono raccolti ed archiviati a futura porno memoria elementi importanti perché in seguito si possa giungere alla formulazione di giudizi valutativi storicamente appropriati.

Che l’osservatorio costituito dal Premio Ischia sia privilegiato è un dato di fatto: nel corso di questo ultimo quarto di secolo sono stati premiati i nomi più rappresentativi del giornalismo italiano ed internazionale, come l’albo d’oro del Premio testimonia.
Valga qui, ad esemplificare il prestigio della compilation, solo qualche nome, da Montanelli a Cronkite, da Biagi a Colom-banì, Mieli, Spadolini, Salisbury, Arnett, Stothard…
I giornalisti presenti nell’albo d’oro sono espressione di una tensione etica che sottende alla ricerca delle possibili verità dei fatti e alla volontà di documentarle senza pregiudizi, o peggio, faziosità, ma nella sincera profonda lealtà dei propri convincimenti.
Verità possibili, e diverse, perché l’unicità del vero appartiene alla metafisica, non alla storia.
Informazione come occhio vigile della democrazia.
Quanto più l’informazione, in tutte le sue forme, è ricca, pluralista, verificata, tanto più si accresce nel pubblico dei lettori, ascoltatori, spettatori, la possibilità di consapevolezza e libertà di giudizio critico nei confronti di scelte politiche, operazioni economiche, orientamenti scientifici, culturali, morali…
Informazione, dunque, come strumento, e insieme esercizio, di libertà democratica.
Qualsiasi strumentalizzazione, così come qualsiasi bavaglio, sono destinati a minare alle fondamenta i principi di uguaglianza, giustizia, libertà, su cui è costruita la cultura della democrazia e della pace.

A chi appartiene la scelta dei giornalisti da premiare?
A una giuria di grande dignità, presieduta da Biagio Agnes dal 1989.
I nomi dei componenti la giuria? Biagio Agnes, Valentina Alazaraki, Giulio Anselmi, Antonio Bassolino, Antonio Bernardi, Lo-renzo del Boca, Paolo Gambescia, Gianni Letta, Pierluigi Magnaschi, Pasquale Non-no, Mario Orfeo, Mario Pirani.
Giornalista il Presidente della giuria, numerosi i giornalisti. È questa una caratteristica specifica del Premio Ischia Interna-zionale di Giornalismo.
Alla professione del giornalismo spesso si rimproverano, a torto o a ragione, rivalità e ostilità fra i suoi iscritti. La giuria del Premio esprime con attenzione e serenità il proprio giudizio sui colleghi, e li designa quali candidati alla vittoria.
Certo, anche gli errori sono possibili, ma compiuti in perfetta lealtà.

Se il giornalismo non è attento alla realtà, che giornalismo è?
Se un Premio di Giornalismo non è attento alla complessità di quella stessa realtà, quale ampiezza di orizzonti può avere? Ed ecco il Premio accompagnato da tavole rotonde e dibattiti incentrati su tematiche di grande interesse e di “attualità” che, quasi a riflettere l’ambientazione meridionale in cui il Premio è nato e si è radicato, hanno spesso, ma non solo, affrontato argomenti relativi al Mezzogiorno.

Il Premio registra anche le modifiche che l’evolversi dei tempi impone al giornalismo medesimo: nel corso dei suoi 25 anni, si è ampliato per comprendere, oltre che le sezioni riguardanti l’informazione scritta, il giornalismo internazionale, quello radiofonico e televisivo, anche le sezioni relative alle agenzie di stampa, al giornalismo dei fotoreporter, al giornalismo on line.
Due premi hanno un particolare significato, esprimendo l’attenzione verso le nuove leve del giornalismo, i giovani che affrontano con entusiasmo le difficoltà della professione giornalistica. Si tratta del premio dedicato alla memoria di Angelo Rizzoli, che tanta fiducia ebbe nelle risorse economiche dell’isola d’Ischia, e di quello dedicato a Marco Suraci: una borsa di studio da assegnare al giornalista professionista che abbia superato gli esami nel corso dell’anno con il miglior punteggio.
Riconoscere il valore dei giovani significa avere la certezza che la serietà professionale e la dedizione al proprio mestiere continueranno a rappresentare quelle tutele al bene comune della democrazia cui si è accennato in precedenza.

Il Premio Ischia Internazionale di Giorna-lismo si è conquistato, con l’onorabilità della sua storia, un riconoscimento prestigioso: l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Tale benemerenza significa riconoscimento dell’impegno morale fondante del lavoro dei giornalisti ma anche richiamo a che quell’impegno non venga mai trascurato. Un monito per tutti.

La storia del Premio è fatta anche di spettacolo, e non potrebbe essere diversamente, non solo perché la formula dello spettacolo, trasmesso ormai da anni dalla Radiotelevisione italiana, consente ad un pubblico vasto e variegato di familiarizzare con nomi e storie del giornalismo, ma anche perché tanto spesso è il giornalismo stesso a diventare spettacolo, vuoi per le circostanze eccezionali di cui talvolta è testimone, vuoi per le esasperazioni in cui talvolta eccede pur di conquistare ascolto. Vale dunque sempre più la regola dell’equilibrio professionale dei giornalisti, che scelga modi e tempi perché i contenuti dell’informazione risultino sempre esemplarmente chiari e non fuorvianti.

Il Premio Internazionale di Giornalismo a Ischia. È doveroso tornare indietro di 25 anni, a quel 1980 in cui il Premio nacque, per volontà di un giornalista ischitano, Giuseppe Valentino, innamorato della sua isola e convinto che Ischia, antica culla della civiltà occidentale, potesse rappresentare un luogo di incontro, di verifica, di scambio nel mondo dell’informazione. Aveva visto giusto, e il Premio è cresciuto, forse al di là delle sue stesse speranze ma in linea con le premesse. Un plauso va ai suoi figli, Benedetto ed Elio, che si sono dati da fare per garantire un futuro all’iniziativa, tanto da essere giunti alla creazione, da quest’anno appunto, di una Fonda-zione Premio Ischia. Grande riconoscimento va al “Il Mattino”, quotidiano napoletano che, negli anni della direzione di chi scrive, credette nel Premio e nel ruolo che il giornale poteva avere per far conoscere una iniziativa fondata sulla serietà e l’importanza del lavoro giornalistico.
Il merito maggiore va a Biagio Agnes che, con il prestigio della sua fama professionale, ha fatto sì che la qualità del Premio crescesse e si affermasse sempre più sulla scena internazionale.

Con il Premio Internazionale di Giornalis-mo l’isola d’Ischia conosce ogni anno giorni di appassionati confronti culturali e vede circolare per le stradine dei suoi Comuni, o nuotare nelle sue acque, personaggi del giornalismo internazionale così come del mondo dello spettacolo e della moda: tutto ciò costituisce anche una pagina di mondanità di cui l’isola si vanta.

Avere 25 anni significa avere conquistato lo splendore della giovinezza e tendere con entusiasmo verso la maturità e la pienezza. È un augurio che può valere anche per un Premio.

REGOLAMENTI

LAVORI, SERVIZI ,FORNITURE ED INCARICHI INFERIORI A € 100.000,00

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA’ DI ESERCIZIO, DEI COSTI E DEI CASI DI ESCLUSIONE DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI AI SENSI DELLA LEGGE 7 AGOSTO 1990, N.241 E S.M.I. ED IN ATTUAZIONE DEL D.P.R. 12 APRILE 2006, N.184.

Il Presidente

 

Gli Opifici idraulici nella Comunità Montana Italo-Arbereshe del Pollino
The Hidraulic Mills in the Mountain Community Italo-Arbereshe of the Pollino

MULINI – GUALCHIERE – FRANTOI – CENTRALI ELETTRICHE

SCHEDE DI CATALOGAZIONE

ALLEGATI

La Rete degli Atelier del Paesaggio per una gestione sostenibile delle dinamiche fluviali
The Network of the Landscape’s Ateliers for a sustainable management of the river dynamics

Il paesaggio culturale dell’acqua nell’alto corso del Fiume Coscile (N-Calabria, Italia meridionale): origine, struttura e biodiversità delle fitocenosi.

Il Paesaggio Integrale
THE “UNCUT” LANDSCAPE

IL CONTRATTO DI PAESAGGIO – FONDAMENTI GIURIDICI ED UTILITA’ PER LE AMMINISTRAZIONI LOCALI NELLA GESTIONE DELLE RIDORSE IDRICHE
THE LANDSCAPE’S CONTRACT

BUONE PRATICHE AGRICOLE NELL’USO E CONSERVAZIONE DELLE RISORSE IDRICHE

LE ACQUE REFLUE

DIFFERENZIAZIONE SPAZIALE – QUESTIONARIO
Spatial Differentiation Questionnaire – NetWet 3

IL GLOSSARIO DELL’ACQUA

Fenomeni idrogeologici estremi nell’area della CM Italo- Arbereshe del Pollino e loro impatto sul paesaggio e sulle aree di costa – Applicazioni GIS e gestione dati su WebGIS
Fenomeni idrogeologici estremi nell’area della CM Italo- Arbereshe del Pollino e loro impatto sul paesaggio e sulle aree di costa – Applicazioni GIS e gestione dati su WebGIS – Synthesis in English

L’atlante delle acque nell’area della CM Italo- Arbereshe del Pollino – Gestione dati su WebGIS –
Atlas of waters in CM Italo- Arbereshe of Pollino area – Data management on WebGIS –

Gestione dati su Gis e WebGIS
Gestione dati su Gis e WebGIS – in english

Cartografia
Altimetria

Clivometria

Geolitologia

Esposizione dei versanti

Modello 3D

Modello 3D con Reticolo

Composizione Della Giunta

Composizione Della Giunta

PRESIDENTE: Vincenzo Barletta
(presidente@cmpollino.it)

Bilancio – Programmazione – Pianificazione Territoriale – Affari Generali – Coordinamento Attività

VICE PRESIDENTE: Alessandro Tocci
(alessandro.tocci@cmpollino.it)

Ambiente – Parco – Riqualificazione e video porno Assetto Territoriale – Attività Promozione Parco e Territorio – Protezione Civile – Agriturismo – Caccia e Pesca – Sport Turismo e Tempo Libero

ASSESSORE: Gaetano Palermo
(gaetano.palermo@cmpollino.it)

Lavori Pubblici – Urbanistica Infrastrutture – Patrimonio-Manutenzioni Ordinarie e Straordinarie – Agricoltura e Forestazione

ASSESSORE: Cosimo Vicchio
(cosimo.vicchio@cmpollino.it)

Attività Produttive – Artigianato-Imprenditoria – Cooperative – Trasporti – Politiche Comunitarie – Politiche del megasesso Lavoro – Formazione Professionale

ASSESSORE: Francesco Carbone
(francesco.carbone@cmpollino.it)

Servizi Sociali – Minoranze Linguistiche – Beni Culturali – Cultura – Tradizioni – Innovazione Tecnologiche – Personale – Informazione